S.E. Mons. Luigi Martella, del clero dell’Arcidiocesi di Otranto, è nato a Depressa frazione di Tricase (attualmente diocesi di Ugento-Santa M. di Leuca) il 9 marzo 1948. Entrato da ragazzo nel Seminario della sua diocesi, ha percorso il curriculum delle scuole medie, ginnasio e liceo, fino alla maturità classica.

IMG_0877Dopo il biennio filosofico-teologico nel Seminario di Treviso, ha proseguito gli studi di Teologia nel Pontificio Seminario Interregionale di Posillipo (Napoli), ricevendo l’ordinazione presbiterale il 10 aprile 1977. Ha conseguito la licenza in Sacra Teologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, Sezione San Luigi e il dottorato in Teologia Morale presso l’Accademia Alfonsiana in Roma.

Dal 1979 al 1986 è stato Rettore del santuario “Madonna del Rosario” in Castro, e dal 1986 primo parroco della stessa chiesa eretta a parrocchia.

Assistente diocesano dell’Ufficio Famiglia di Azione Cattolica dal 1980 al 1994, e per alcuni anni assistente regionale dello stesso ufficio; docente di religione cattolica nel liceo-ginnasio “F. Capece” di Maglie dal 1979 al 1994; docente di Teologia Morale nell’Istituto di Scienze Religiose “Giovanni Paolo II” di Otranto e presso la Scuola di Teologia per laici della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca; ha insegnato Etica professionale presso la Scuola allievi infermieri dell’ospedale “Card. G. Panico” in Tricase.

Dal 1994 è stato chiamato a svolgere l’ufficio di Direttore Spirituale nel Pontificio Seminario Regionale di Molfetta. Presso l’Istituto Teologico Pugliese è stato docente di Teologia Morale fondamentale. Responsabile dell’Ufficio formazione dell’Istituto Pastorale Pugliese e Consulente etico regionale della Federazione dei Consultori di ispirazione cristiana.

Eletto alla sede vescovile di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi il 13 dicembre 2000; ordinato vescovo il 10 marzo 2001.

Nel 2005 è stato designato dalla C.E.I. e nominato dalla Congregazione per il Clero quale Visitatore dei Seminari d’Italia. Attualmente è pure Delegato della Conferenza Episcopale Pugliese per le Comunicazioni sociali.

Nel 2011, decimo anno del suo episcopato, gli è stata conferita la cittadinanza onoraria della città di Molfetta.

Svolge il compito di Priore dei Cavalieri del Santo Sepolcro, Sezione Bari-Bitonto, e dello  stesso Ordine è Grande Ufficiale, insignito della Palma d’oro.

Nel 2008 ha promosso la Causa di Beatificazione del Servo di Dio “Don Tonino Bello”.

4 pensieri su “Vita di Don Gino Martella

    • 4 agosto 2015 alle 18:11
      Permalink

      Grazie Dino per il tuo sostegno e l’apprezzamento dell’iniziativa. Cercheremo di portarla avanti con tutto l’impegno e l’amore possibile.

      Rispondi
  • 22 agosto 2015 alle 13:25
    Permalink

    Don Gino sarà impossibile dimenticarlo.
    Sorridere il verbo che lui ha impresso nel suo cuore.
    Sorridere sempre.

    Rispondi
    • 22 agosto 2015 alle 17:50
      Permalink

      Ciao Giuseppe e ciao Nino.
      Grazie di cuore del vostro commento. Il sorriso di Don Gino era la cifra della sua anima, gioiosa e pura e non potremo mai dimenticarlo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *